Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

557. L’impieghi novi

 

Cià mmille strade uperte un bon zovrano
che vvò pprovede un zuddito fedele.
ffallo Cammerlengo de Fregnano,
o appartatore de l’asceto e ffele:

 

mmannallo per monno a mman’a mmano
a scurtà li stuppini a le cannele;
e llui ammascherasse da Labbano
e ffà er tonto1 a l’immasto de Racchele.

 

Guarda er marito de la bbella Nina:
hanno inventato un posto pe impiegallo
co ttrenta ggnocchi2 ar mese de duzzina.3

 

E, ortr’a cquesto, un calessie cor cavallo
perché vvadi a Ppalazzo oggni matina
a avvisà ssi ffa ffreddo o ssi ffa ccallo.

 

Roma, 5 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Fare il tonto, fingere di non accorgersi.

2 Scudi.

3 Dozzina per «onorario».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License