Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

563. Er pane e ’r companatico

 

Cuanto mai se scrive co la penna,
ortr’a la storia der Guerrin Meschino
e llantre cuattro de Paris e Vvienna,
Cacasenno, Bbertollo, e Bbertollino:

 

tutto cuer che sse disce e cche ssazzenna,
tutto cuer che indovina un indovino,
ccome un’allegria senza marenna1


e ccome un pranzo che cciamanchi2 er vino,

 

appetto ar gran miracolo de Cristo,
che ccor un po’ de pane e un po’ dde pessce
seppe cquello che ggnisuno ha vvisto.

 

Fàmolo adesso noi si cciarïesce!3
pe ste cose er pessce è un farzo acquisto,
perché l’uscello è mmó cquello che ccresce.

 

Roma, 6 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Merenda.

2 Ci manchi.

3 Ci riesce.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License