Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

565. La cojjonella1

 

Nun passa vorta ch’io nun ciariscoti2
sparpaggnàccole3 e rraschi a bbocche piene.
Bbisogna che sse penzino sti sscioti4
ch’io sce tienghi la mmerda in de le vene.

 

E nun vonno capí, ccestoni5 vòti,
c’un giorno o llantro c’a ste bbelle sscene
me se scuajjeno, cristo, li sceroti,6
bbutto capezza,7 e mme ne vedo bbene.

 

Fremma ne vojjo avé, ma er troppo è ttroppo:
e già ho ffatto capasce8 er mi’ curato
che sta fregna9 finisce co lo schioppo.

 

Lasseli divertí, per dio sagrato!
Cent’a lloro un’a mmé: ma o pprima o ddoppo
s’hanno d’accorge ar brodo si è stufato.10

 

Roma, 7 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Il dileggio.

2 Ci riscuota.

3 Un tal suono prodotto al fiato che, spinto dalla lingua verso i labbri, li fa violentemente aprire tremolando l’uno sull’altro. È tenuto per segno di spregio o di beffe.

4 Stolidi.

5 Teste.

6 Squagliarsi i cerotti, vale: «perder pazienza».

7 Mi sfreno, lascio i riguardi.

8 Ho persuaso.

9 Abitudine molesta; insulto; avvenimento spiacevole, ecc. ecc.

10 Vedranno agli effetti qual è la causa, ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License