Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

567. L’appiggionante nova

 

Guardela, Tota, a cquelochiaccio ardito,
guardela a cquer ceffaccio de bbiscotto,
guardela a cquer cacciasse in ogni sito,
e ddamme torto poi quanno bbarbotto.1

 

Nun ddumesi c’abbita cqui ssotto,
e ’r viscinato ggià la mostr’a ddito:
nun , Ttota, dumesi, e ggià mm’ha rotto
tre o cquattro vorte er manico ar marito.2

 

Me dirai c’un marito costa poco;
ma ffaddurà sta vergna3 un’invernata,
si cce va un occhio pe scallasse ar foco!

 

Lei lo ffà pperché ccampa d’entrata,
e sfarza su le bbraccia de cuer coco;
ma cqua nun c’entra che rrobba pagata.

 

Roma, 7 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Da borbottare.

2 Marito è per le donne del volgo anche il «caldano» da uso per le mani e per sotto le vesti.

3 Affilamento di avventura spiacevole.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License