Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

571. La Sibbilla1

 

Ecchen’un’antra nova che mme porti!
Mo ar monno nun c’è stata la Sibbilla!
Ma nun zentissi2 er giorno de li Morti
come lo disce chiaro la diasilla?

 

Tu abbada ar coro de sti colli-storti,
cuanno, piú è grosso er moccolo, ppiú strilla;
e ddoppo duverzetti corti corti,
sentirai che vviè ffora una favilla.

 

Appresso alla favilla esce una testa,
ch’è la testa de Davide; e in ner fine
viè una Sibbilla, e cquella antica è cquesta.

 

Va bbe’ che cqueste storie latine;
puro la concrusione è llesta lesta:
la Sibbilla c’è stata, e abbasta cquine.3

 

Roma, 7 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Per la Sibilla vedi il Son…

2 Sentisti.

3 Qui.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License