Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

577. Le frebbe

 

Succede istessamente a mmimarito.
Si nun è una, è llantra sittimana,
turutuf1 jarïoca2 la terzana,
che ssi lo vedi è ppropio arifinito.

 

Li ggiorni che nun viè sta frebbe cana,
sta mmosscio e arresta llì ttutto anniscito;3
e mme ggira pe ccasa cor marito,4
freddo ppiú dde la pietra de funtana.

 

Cuannesce er zole, verzer mezzoggiorno
tanto s’azzarda mezz’oretta a spasso;
ma cquanno piove me sta ssempre attorno.

 

La notte poi lo lasso stà lo lasso.
Mo ffra de noi che cce èsse? un corno.5
Sia pe l’amor de Ddio: fascemo passo.

 

Roma, 8 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Segno di ripetizione o sopravvegnenza.

2 Traslato preso dal giuoco dell’oca, e vale: «ripetere il punto».

3 Tristanzuolo, assiderato, accidioso: di tutte queste cose un poco.

4 Caldano.

5 Nulla.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License