Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

583. Er cimiterio in fiocchi1

 

Chi nun vede nun crede, sor Valerio.
Io nun zo in cuar paese sce se possi
ppiú bbelli lavori, e ffini e ggrossi,
de cuelli de la Morte ar Cimiterio!

 

Ve dico propio ch’è un affare serio
de sscejje li ppiú bbianchi e li ppiú rossi,
e ffà ppuro li fiori a fforza d’ossi!
Anime sante, che bber rifriggerio!

 

Come vòi ch’er Zignore, si ppe ssorte
tutti sti ggiucarelli l’ha ssaputi
che ssò in zuffraggio de le ggente morte,

 

come vòi, dico, che ssi ll’ha vveduti,
lui nun spalanchi subbito le porte
a cquellanime sante, e nnun l’ajjuti?

 

Roma, 10 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 In pompa. Tutto ciò che si vede in quel Cemetero, e di suppellettili e di ornamenti, è fabbricato di resti umani, tolti per questo uficio dal loro sacro riposo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License