Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

584. Er mostro de natura

 

Che vvòi che sseguitassi! Antre campane
sce vonno, sor Mattia, pe cquer batocco!
L’ho ssentit’io ch’edèra1 in nel’imbocco!
Ma ffréghelo, per dio, che uscello cane!

 

Va ccosa ha d’accadé mmó a le puttane!,
de sentimme bbruscià cquanno me tocco!
Si è ttanto er companatico ch’er pane,
cqua ssemo a la viggija2 de San Rocco.3

 

N’ho ssentiti d’uscelli in vita mia:
ma cquanno m’entrò in corpo quer tortore4
me sce fesce strillà Ggesummaria!

 

Madonna mia der Carmine, che orrore!
Cosa da facce5 un zarto6 e scappà vvia.
Ma nun me frega7 ppiú sto Monzignore.

 

Roma, 9 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Cos’era.

2 Vigilia.

3 Nell’ospizio annesso alla chiesa di S. Rocco si raccolgono le donne prossime ai parti di contrabbando.

4 Tortore è in Roma «un ramo d’albero troncato in misura giusta per ardere nei camini».

5 Farci.

6 Salto.

7 Non mi corbella, non mi ci prende più.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License