Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

586. Le confidenze de le regazze

Sonetti 8

 

Aghita, senti: da un par d’anni bboni
l’ommini io ppiú li guardo e mmeno pòzzo1


arrivajje a ccapì cche ssii quer bozzo2
che ttiengheno tramezzo a li carzoni.

 

Pare, che sso... ’na provatura...3 er gozzo
che cciànno drentar petto li capponi...
o cquer coso4 che ppènne a li craponi...5
oppuro er piommo de la molla ar pozzo...

 

Ma appena viè er cugnato de la sposa
a accompaggnà la sora Bbeatrisce,
propio je vojjo domannà sta cosa.

 

Ccusí bbon giuvenotto è cquer Felisce,
che, vvedennome a mmé ttanta curiosa,
si cquarche ccosa sc’è, llui me la disce.

 

Roma, 10 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Posso.

2 Bozza.

3 Specie di formaggio fresco, per lo più di latte bufalino, del volume e della forma presso appoco simili a ciò a cui qui si allude.

4 Il coso e la cosa sono nel parlar volgare i rappresentanti generali di ogni idea di cui manchi il vocabolo.

5 Caproni.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License