Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

591. [Le confidenze de le regazze]

 

«Tuta, si vviè Ffelisce stammatina,
dijje che all’ora ch’io torno da scòla1


guardi quanno che Mmamma sta in cantina,
e entri, c’ho da dijje una parola».

 

«E cche ccosa vòi dijje, scivettola
«Ciò da parlà dde scerta2 tela fina...».
«Ma ppropio propio tela, eh Aghitina?
no de quer coso longo che jje scola

 

«E ssi ffussi accusí, cche cc’è dde male
de vedé si er giuchetto de Felisce
fascènnolo3 co un’antra è ttal’e cquale,

 

o ssi ttu mme sciai fatto la cornisce?4
Eppoi tu ttanto5 ggià cciai messo er zale,6
e nnu lo vòi ppiú ffà». «Chi tte lo disce?».

 

Roma, 10 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Le ragazze sartrici o cuffiaie dicono scuola, il luogo dove vanno al mestiere.

2 Certa. Parlare di certa tela, è una frase evasiva ed ironica.

3 Facendolo.

4 Far la cornice, cioè adornare, accrescere checchessia.

5 In tutti i casi.

6 Mettere il sale sopra una cosa: abbandonarla per non pensarci più.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License