Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

596. La sborgna1

 

Sta piccola cafona,(1) eh Ggiuacchino?
e ste cotte(1) che cqui pporti ar Curato?
Oggi propio pòi ccotto sporpato2
da li capelli all’uggne3 der detino.

 

Nun ce gguai:4 come se trova vino
da èsse fascirmente incanalato,5
tu tte sce vòi inummidí er palato
sin che cce n’è una goccia in magazzino.

 

Bbravo! perché sei omo da particce6
co dducotte pe ggiorno: e cquesto è er modo
de falle mantienéggnisempre gricce.

 

Cusí una tira l’antra, e tte sce lodo:
che ssempr’è bbene for de le pellicce(1)


de lassà un filo pe ppoi facce er nodo.

 

Roma, 11 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Questi vocaboli, e altri, sono in Roma sinonimi di ubbriacature. Nelle pellicce e cotte è poi un equivoco, su cui i Romaneschi si estendono in fizzanti allusioni.

2 Spolpato.

3 Unghie.

4 Non v’è rimedio: non v’è da dire.

5 Quel vino dicesi che incanala, il quale è tonnarello, cioè «dolcigno».

6 Da avventurarsi, da procedere, ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License