Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

598. Sicu t’era tin principio nunche e ppeggio1

 

Ar monno novo è ccome ar monno vecchio:
cqua dde curiali sce ne sseimila;
e li pòi mette tutticuanti in fila,
ché ssempre è acqua cuer che bbutta er zecchio.

 

Ce ppassato, sai?, pe sta trafila:
a ssentí a lloro, ognun de loro è un specchio;
ma o ccuriale, o mmozzino, o mmozzorecchio,2
tutti vonno maggnà ne la tu’ pila.

 

Pe ccarità, nnun mentovà SsantIvo!3
Ché o SsantIvo o SsantOvo,4 a sto paese
dillo un prodiggio si ne scappi vivo.

 

Ma a SsantIvo angioli o ccuriali?
Curiali? ebbè, cquer che sparagni a spese
ar fin der gioco se ne va a rrigali.

 

Roma, 12 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Così dicesi dal popolo a indicare durata e accrescimento del male.

2 I due ultimi vocaboli sono sinonimi di «leguleio cavilloso»

3 Congregazione con ispeciale instituto di difender gratis le cause de’ poveri; ma!…

4 Di simili bisticci usansi in Roma per dire che, comunque sia, la va a un modo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License