Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

600. Santaccia de Piazza Montanara1

 

A pproposito duncue de Santaccia
che ddiventava fica da ogni parte,
e ccollarma e ccor zanto2 e cco le bbraccia
t’ingabbiava l’uscelli a cquarte a cquarte;

 

è dda sapé cc’un giorno de gran caccia,
mentre lei stava assercitanno l’arte,
un burrinello co l’invidia in faccia
s’era messo a ggodessela in disparte.

 

Fra ttanti uscelli in ner vedé un alocco,
«Oh», disse lei, «e ttu nun pianti maggio3
«Bella mia», disse lui, «nun ciò er bajocco».

 

E cqui Ssantaccia: «Aló, vvièccelo a mmette:
sscéjjete er búscio, e tte lo do in zoffraggio
de cuellanime sante e bbenedette».

 

Roma, 12 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Veggasi la chiamata 1a del sonetto n. 1 del medesimo titolo.

2 Arma e santo, è il dritto e rovescio della moneta con che giuocano i plebei al così detto marroncino. Vedi il sonetto

3 Frase di egual senso alla simile toscana.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License