Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

601. L’otto de descemmre

 

Per oggi, Cuccio1 mio, nun sfutticchiamo:2
nun sfutticchiamo, no, ffàmo orazzione.
Nun zai oggi che ffesta scelebbramo?
La santa e immacolata Concezzione.

 

Doveressi capí che cquanno Adamo
nun zeppe superà la tentazzione,
e sse maggnò cquer frutto de cuer ramo,
su in paradiso se serrò pportone.

 

Sin da cuer giorno la madre natura
nun poté llavorà ffor de condanna
manco, se viè ppe ddí, mmezza cratura.

 

E ttra l’uscelli e ssorche ch’Iddio manna,
nun fu assente3 arcunantra futtitura
che dde san Giuvacchino e dde sant’Anna.

 

Roma, 13 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Accorciativo di Domenicuccio.

2 Il senso dello sfotticchiare qui s’intende qual è. I volgari lo adoperano però ancora per esprimere un’azione non bene determinata e di dubbio successo. Per esempio: Che tte sfutticchi?

3 Esente.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License