Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

606. Er giubbileo

 

Cqui nun c’è da gguazza,1 sor baggeo:2
er Papa, grazziaddio, nun è un cojjone;
e ssubbito3 c’ha mmesso er giubbileo
ciaverà avuto le su’ gran raggione.

 

Prima de tutto cuer zuamico abbreo
che jje venne4 un mijjaro pe un mijjone,
ggira ancora cqua e llà strillanno aeo5
senza viení a la santa riliggione.6

 

Ma cche stamo a gguardà llabbreo Roncilli!
Ve pare che cce siino sott’ar zole
poc’antri ladri cqui da convertilli?

 

Ecco duncue che ssenza èsse bbizzoco
se strigne er discorzo a dduparole:
che un giubbileo pe ttanti ladri è ppoco.

 

Roma, 14 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Beffe.

2 Persona che affetta lo spiritoso, il grazioso, ecc.

3 Posto che.

4 Vende.

5 Grido degli ebrei che van girando per roba di ricatto.

6 Vedi su ciò il son…

 

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License