Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

609. Er musicarolo1

 

Bbravo, per dio! Ma bbravo Ggiuvannino!
E cchi tte lo sapeva stavantaggio
de cco ttanta grazzia er canterino?!
Mo mme n’accorgo che cc’è ppoco a mmaggio.

 

Ma abbada de nun róppete er cantino,
ché allora, sora musica, bbon viaggio!
Saría un peccato, perché ccanti inzino
mejjo assai d’una nota de cariaggio.

 

Io sentivo jjerzera storghenetto!...
e ffesce co mmimojje: «Eh cquesto è llasso!2
senti si cche vvolate! uh bbenedetto!».

 

Tratanto me spojjavo passo passo,
e ffinarmente me n’aggnede3 a lletto
a ffatte4 pe dde dietro er contrabbasso.

 

Roma, 14 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Nome beffardo dato a chi si diletta di canto.

2 Asse: carta principale al giuoco della biscola.

3 Me ne andai.

4 A farti.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License