Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

610. L’Omo de Monno

 

Pe cquante case ch’io me sii ggirate,
fascenno er zervitore, inzino a mmone,1


ho vviduto pe ttutto le padrone
gnisempre o bbuggiarone, o bbuggiarate.

 

Le zitelle, o da poco maritate,
l’ho vvidute oggnisempre bbuggiarone:
ma ppoi, passato er tempo der cojjone,
l’ho vvidute oggnisempre cojjonate.

 

Tu gguarda cqui ar cammino sta spidiera,2
che ggira e ggira e ffa ssempre un lavoro:
cusí vva pe le donne a una maggnera.

 

Sin che cc’è ggioventú, l’argento e lloro
se lo pijjeno a ppeso de stadera:
cuanno vvecchie poi pagheno lòro.3

 

Roma, 14 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Mo: ora.

2 Schidione, spiedo a ruote e peso.

3 Con l’o aperta.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License