Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

611. Sant’Orzola

 

Undiscimila vergine, sagrato!
undiscimila, cazzo!, e ttuttinzieme?!
Jèsummaria! ma vvedi cuanto seme
che ppoteva impiegasse,1 annà spregato!

 

E a ttempi nostri tanti che jje preme
de pescà un búscio arcuanto2 conzervato,
d’undiscimila c’abbino pescato
nun ne troveno dua! Tutte medeme!3

 

Undiscimila vergine! che ppasto
da conzolà un mijjaro de conventi!
Tutte zitelle! Ma cchi è annato ar tasto?

 

Ce volemo accordà? Pavolo, senti:
o ffra ttante zitelle scera er guasto,
o ereno per dio tutt’accidenti.4

 

Roma, 14 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Impiegarsi.

2 Alquanto.

3 Tutte uguali (medesime).

4 Orridamente brutte.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License