Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

612. San Pavolo prim’arimita1

Sonetti 2

 

San Pavolo era un zanto c’abbitava,
pe nnun pagà ppiggione, in d’una grotta;
e un corvaccio ogni ggiorno je portava,
pe ffàllo2 sdiggiunà, mmezza paggnotta.

 

Disce,3 sto corvo era una bbestia bbrava,
timorata de Ddio, e ggnente jjotta:
ma de li tozzi sciaveva4 la cava
pe ttrovà ssempre una paggnotta rotta?

 

Io dico che sto pranzo de san Pavolo
fussi tutta pavura der fornaro,
che ssottar corvo sce credessi er diavolo:

 

e accusí, cquanno crebbe sant’Antonio,
de ste porzione je ne dassi un paro
pe spartille fra er diavolo e ’r demonio.

 

Roma, 15 dicembre 1832

 




1 Eremita.

2 Farlo.

3 Dicono, dicesi e simili.

4 Ci aveva.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License