Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

613. San Pavolo primo arimita1

 

Dite un po’, ggente mia, me pare scerto
d’avevve2 ariccontato er fattarello
de cuer Zanto arimita, che un uscello
lo mantieneva a ppane in ner deserto.

 

Bbe’, in cuantar corvo ho inteso cche cquello
spianava a cconto suo con fornuperto,
e incircar pane, a cquello c’ho scuperto,
je lo fasceva apposta de tritello.

 

Co sto par de notizzie s’arimane3
a ssapé che cquer povero arimita
sin che vvisse maggnò ppeggio d’un cane.

 

’Na cosa sola nun z’è mmai schiarita
si la vita finí pprima der pane,
o ffiní er pane prima de la vita.

 

Roma, 28 gennaio 1833

 




1 Eremita.

2 Avervi.

3 Si rimane.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License