Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

618. Li Ggiudii de l’Egitto

 

Faraone era un re de sti frabbutti1


che impicceno da sé ttutte le carte,2
e vvolenno l’Abbrei schiavi o ddistrutti,
o l’affogava o li metteva all’arte.

 

Ma Mmosè, che ppareva Bbonaparte,
a la bbarbaccia sua li sarvò ttutti,
e ffra ddumuri d’acqua, uno pe pparte,
se li portò pe mmare a ppiedassciutti.

 

Nell’acqua annò bbenone, sor Giuvanni,
perch’er Marrosso stiede sempre uperto;
ma in terra cominciorno li malanni.

 

Ar meno è una gran buggera de scerto
cuella de spasseggià pe cquarantanni
e stasse a ffregà llorbo3 in un deserto.

 

Roma, 16 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Cattivi soggetti.

2 Impicciar le carte da sé, vale: «fare e disfare a suo senno».

3 Affaticarsi senza pro.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License