Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

623. Er motivo de li guai

 

Lo volete sapé? vve lo dich’io
perché Rroma se trova in tant’affanni:
ve lo dich’io perché Ddomminiddio
ce fa ppiove sta frega de malanni.

 

È pperché er Papa s’è ffatto ggiudio
e nun ha ppiú de Papa che li panni:
è pperché li ggiudii da papa Pio1


nun porteno piú in testa li ssciamanni.2

 

Adesso se sperava arfinamente3
de védelo sto scànnolo levato,
ma, gguai pe nnoi, nun ze ne fa ppiú gnente:

 

perché ppapa Grigorio c’ha ppijjato
tanti cuadrini da un giudio fetente,4
j’ha vvennuto, per dio, Roma e lo Stato!

 

Roma, 17 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Pio viii.

2 Lo sciammano era un cenciolino che gli Ebrei dovevano portare sul cappello in segno del loro ludibrio.

3 Finalmente.

4 Vedi i sonetti

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License