Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

627. La mediscina sicura

 

Er medico, per èsse,1 l’ha spedito,
perché ddisce c’ha ffràscico er pormone;
e ppò ttirà inzinent’a l’Asscenzione,
si a Ppascuarosa2 nun ze n’è ggià ito.

 

Io però ho ddetto a Nnanna: «A ttumarito
tu ffajje na bbona confessione,
e, in barba de sto medico cojjone
in cuattro ggiorni te lo do gguarito.

 

Lasselo chiacchierà sto vecchio tanchero,
e intanto fatte véde sur lunario
propio er giorno ch’er zole entra in ner canchero.

 

Se va allora tre ssere a ppiedi scarzi,
su e ggiú pe Rroma discenno er rosario,
e ddoppo s’arza lui cuanno tu ttarzi».

 

Roma, 19 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Per essere, per dire il vero.

2 Pentecoste.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License