Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

630. La fiandra1

 

No, ppascioccona,2 io nun ttanto sscioto:3
lo capisco ch’edè ttutta sta fiacca:4
tu vvoressi appoggiamme5 la patacca,
ma è ’na moneta ch’io nun ariscoto.

 

Tu vvorressi attaccamme er tu’ sceroto,6
ma ssu le carne mie nun ce s’attacca.
Io nun vojjo maggnà ccarne de vacca,
e nun me metto a ccasa er terramoto.

 

Sta’ cco la pasce tua, fijja mia bbella,
perché ttu ggià lo so c’ortrar portone
drento ar vicolo ciai la portiscella.

 

Eppoi, dichi pe mmé ttroppe orazzione:
io berlicche,7 e ttuna santarella:
ce un omo pe tté mmeno bbirbone.8

 

Roma, 19 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 La furba.

2 Pacioccone, pacioccona, sono «uomo o donna per lo più alquanto pingui e di carattere pacifico». Paciòcco poi dicesi anche come aggiunta carezzevole.

3 Sciocco.

4 Una certa melensa semplicità, affettata con qualche scopo.

5 Appettarmi.

6 Cerotto.

7 Diavolo.

8 Questo vocabolo significa in Roma tanto «cattivo soggetto» quanto «persona scaltra».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License