Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

633. Una mano lava l’antra1

 

L’omo, cuanno lo pijji a ppunto-preso,2
lui te diventa subbito un cojjone.
E cciài da mette che nun è dda mone3
che jje stava Luscía coll’arco teso.

 

Ccusí è ssuccesso cuer ch’io m’ero creso:4
tanto j’è annatattorno er farfallone,
che un po’ un po’ che jj’ha ddato de gammone5
lei te l’ha ffatto cascà ggiù dde peso.6

 

, , ccapisco ch’è per lei ’na pacchia7
d’avé sposato un omo accusí rricco
lei che nun cià dder zuo manco una tacchia.8

 

Ma una mojjetta che jje fa sto spicco,
sta cicciona de ddio,9 sta bbella racchia10
la poteva sperà cquer brutto micco?

 

Roma, 20 dicembre 1832

 




1 Compenso vicendevole: proverbio.

2 Tòrre a sorpresa.

3 Mo: ora.

4 Creduto.

5 Dar vantaggio, sopravvento: fomentare, e simili.

6 Cader di peso, con tutto il precipizio dell’inerzia.

7 Cosa comoda.

8 Scheggia.

9 Donna carnuta.

10 Giovanetta leggiadra, e per lo più polputella.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License