Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

635. Mi’ fijja maritata

 

Povera fijja mia! Cuer Zarvatore1


bbisogna o cche ttiè ttroppa sostanza,
o mme l’ha ppresa pe ’n’imbottatore2
pe scolàjjene drento in stabbonnanza.

 

Da che llei lo sposò, ssempre un lavore!
panz’e zzinna e dda capo zinn’e ppanza.3
E li fijji a ’ggni madre je ne more,
ma pe Ggiartruda mia nun c’è speranza.

 

In cinquanni otto fijji, e ttutti vivi!
E cche ccianno in ner corpo? Io me la rido
che sse dii ’n’antra coppia che l’arrivi.

 

Tre vvorte a ffila gravidanza doppia!
Cueste nun bbuscíe: sto cacanido4
e Ppippo soli nun nnati a ccoppia.

 

Roma, 20 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Salvatore.

2 Imbuto.

3 Gravidanza e allievo, allievo e gravidanza.

4 Il cacanido è «l’ultimo figliuolo».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License