Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

640. Le cose create

 

Ner monno ha ffatto Iddioggni cosa deggna:
ha ffatto tutto bbono e ttutto bbello.
Bono l’inverno, ppiú bbona la leggna:
bono assai l’abbozzà,1 mmejjo er cortello.

 

Bona la santa fede e cchi l’inzeggna,
più bbono chi cce crede in der ciarvello:
bona la castità, mmejjo la freggna:
bono er culo, e bbonissimo l’uscello.

 

Sortanto in questo cqui ttrovo lo smanco,2
che ppoteva, penzànnosce un tantino,
creacce l’acqua rossa e ’r vino bbianco:

 

perché ar meno ggnisunoste assassino
mo nun viería3 co ttanta faccia ar banco
a vénnesce mezz’acqua e mmezzo vino.

 

Roma, 21 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Tollerare.

2 Difetto.

3 Verrebbe.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License