Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

644. Le mura de Roma

 

cc’è un editto c’a sta Roma caggna
je vonno ariggiustà ttutte le mura;1


ma ssi nun è che cquarcuno sce maggna,
nun te pare, per dio, caricatura?

 

Se ssapé dde cosa hanno pavura?
Che li Romani scappino in campaggna?
De li preti ggnisuno se ne cura,
perché ddrento in città sta la cuccaggna.

 

Si ppoi semo noantri secolari,
sc’è bbisoggno de muri e de cancelli
pe ffacce restà ddrento a li rippari?

 

Pe ppoche pecoracce e ppochi agnelli
dati in guardia a li can de pecorari
bbasta una rete e cquattro bbastoncelli.

 

Roma, 22 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Questa risoluzione fu realmente presa sotto il pontificato di Leone xii.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License