Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

646. L’Apostolo dritto1

 

L’Apostoli fasceveno fracasso
ché Ccristo erito via da sepportura;
quannecchete de fianco san Tomasso:
«Io nun ce credo un cazzo: è un’impostura».

 

Tratanto Ggesucristo de bbon passo
se n’aggnede ar cenacolo addrittura,
indove un buscettin de serratura
je serví dde portone de trapasso.

 

«Ficca er tu’ dito in cuesta costa vòta,
ggiacubbino futtuto, e cqua ppòi vede
s’io arivivo, oppuro è una carota».2

 

Allora San Tomasso in piede in piede
prima annò ar tasto da perzona ssciòta,3
e ddoppo rescitò llatto de fede.

 

Roma, 22 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Accorto.

2 Favola, menzogna.

3 Semplice.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License