Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

17. Er romito

 

«Quanno te lo dich’io cachete er core»1

me diceva ier l’antro un bon romito;
«in sto monnaccio iniquo e ppeccatore,
nun ze trova piú un parmo de pulito.

 

Cottre sguartrine2 io fascevo l’amore
e je servivo a ttutte de marito;
e ppe un oste, uno sbirro e un decrotore3
ste porche tutt’e ttre mm’hanno tradito.

 

Ma io pe ffa vvedé cche mme ne caco,
tutte le sere vado all’osteria,
e ffo le passatelle, e mmimbriaco.

 

E ssi la tentazzione m’aripía,4
me lo cuscio pe ddio cor filo e llaco
quant’è vvero la Vergine Mmaria».

 

15 febbraio 1830 - De Peppe er tosto - G. G. B.

 

 




1 Sottointendi: piuttosto che non crederlo; cioè: «devi crederlo per forza, a mal tuo grado».

2 Donnucole.

3 Décrotteur.

4 Mi ripiglia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License