Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

647. L’imprecazzione

 

Tiette la lingua, Mèo:1 nun è la prima
che mmanni mappalà2 ssu le perzone.
Nu lo sai che ccos’è un’imprecazzione?
è ppiú ppeggio assai ppiú dd’una bbiastima.3

 

Perché cquesta er Zignore nu la stima
nemmanco pena coccia de melone:
eppoi, bbeato lui, sta ttant’in cima
che nnun jariva a un pelo de cojjone.

 

Annà a ddí a un Omo: fréghete in eterno!
Ma nnun capíschi er danno che jje porti
si ccasomai cuestomo va a l’inferno?

 

Tra cquer fresco a li poveri addannati
nun jamancherebbantro doppo morti
che ddèssesce un tantino bbuggiarati.

 

Roma, 22 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Bartolomeo.

2 Imprecazioni.

3 Bestemmia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License