Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

651. Le Messe

 

Pe ttutto cuer che ssii spirituale
a nnoi nun tocca de parlà nnun tocca:
e un giacubbino solo, o uno stivale
èsse cuello che cce mette bbocca.

 

Puro,1 volenno senza dinne male
mette l’occhi su cquella filastrocca
de messe che sse dicheno a Nnatale,
pare a la prima una gran cosa ssciocca.

 

Perché in cual antro logo se vvisti
come drento a lo stommico d’un prete,
tre ffijjoli de Ddio, tre Ggesucristi?

 

Lassateli sciarlà stommini dotti,
e mmettétesce 2 cquello c’avete
che ttrovannose in tre ffanno a ccazzotti.

 

Roma, 23 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Purtuttavia.

2 Metter su: scommettere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License