Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

652. La serratura arruzzonita1

 

Cuella festa, Maria, che tte fottei,
aggnéde2 a sserví mmessa a Ssan Trifone,3
e ccelebbrò cquer Don Libborio Mei4
che sse maggnò la piastra ar cucuzzone.5

 

Senti : tterminato l’Aggnusdei,
tramezzo a un centinaro de perzone
s’accostorno all’artare scinqu’o ssei
che vvoleveno la commuggnone.

 

Ma er prete, doppo conzumato er vino,
pe cquanto se fregassi6 co le mano
nun poté rruprí mmai lo sportellino.

 

Però, ar fin de la messa, Don Libborio
se fesce bbessentí ddar zagrestano:
«E cche ddiavolo sc’è ddrentar cibborio?».

 

Roma, 23 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 «Arrugginita» daipocché la ruggine dicesi in Roma la ruzza.

2 Andai.

3 Chiesetta di Roma.

4 Vedi i sonetti

5 Baccellone.

6 Si adoperasse.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License