Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

657. La maggnona

 

Dichi1 è rregazza, tiè le carne toste,
ha da empisse le zinne pe la pupa!
Ma llei se maggnería puro le groste
de san Lazzero:2 ha er male de la lupa.3

 

Doppo pranzo sortanto a callaroste
lei se ne spiccia4 una padella5 cupa!
T’assicuro, Cristofeno, che lloste
co la posta de noi propio sce ssciupa.6

 

Perch’è ppassato er tempo der panbianco:7
nun zemo ppiune a cqueletà ffutura8
che nnun mettevi mai la mano ar fianco,9

 

cuanno l’osti, tenenno la scrittura
scritta cor gesso, ar ripulí dder banco
mannàveno li conti in raschiatura.

 

Roma, 24 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Dici.

2 Dicesi di chi mangia molto.

3 Avere il male della lupa, vale: «divorare, anziché mangiare». È opinione volgare che il lupo non abbia che un solo intestino retto dallo stomaco all’ano.

4 Se ne mangia.

5 Attrezzo in cui cuocionsi le castagne arrosto.

6 Ci sguazza, ci fa gran guadagno.

7 Espressione che significa così «tempo di agio», come «tempo degli uomini semplici».

8 Una delle frasi di pretensione di bel dire.

9 In tasca.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License