Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

658. Le carcere

 

Uscii cuer giorno che ppapa Leone
fu incoronato:1 ma tte do un avviso,
che mmejjo cosa che de stà in priggione
e nnò ppò ttrovasse in paradiso.

 

Llí mmaggni pane, vino, carne e rriso,
e lloste nun te mette suggizzione:
trovi in cammera tua tutto prisciso,
senza pagà nné sservappiggione.

 

Llí ddrento nun ce piove e nnun ce fiocca,2
e nnun c’è nné ggovernoccurato
che tte levino er pane da la bbocca.

 

Llí nun lavori mai, sei rispettato,
fai er commido tuo, e nnun te tocca
er risico d’annà mmai carcerato.

 

Roma, 24 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Era inveterato uso della Corte Romana che alla incoronazione del nuovo Pontefice si aprissero le carceri. Oggi però non si osserva la costumanza che a beneficio de’ soli rei di delitti minori.

2 Quel ch’è vero è vero. Queste parole, oltre all’applicazione propria, si adoperano ne’ casi di qualche vantaggio certo, solito e già assicurato; per esempio: Intanto su sti dieci pavoli er mese nun ce piove e nun ce fiocca: per restante poi, ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License