Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

661. Er tiro d’orecchia1

 

Sor Natale, se maggna sto torrone?2
Sor Natale, se maggna sto pangiallo?3
Per arregges’in piede co sto callo
sc’è ggran nescessità de cose bbone.

 

Io da jjerammatina a ccolazzione
nun ho mmaggnato ppiú cc’un portogallo4
e sto dd’allor’impoi sempr’a ccavallo
pe ppoté ffàna bbona indiggistione.5

 

Duncue vedete voi si ccon che ccore,
trovannome, diograzzia, a ppanza vòta,
io potería ssotto e ffamme onore.

 

E cquanno ho ddato l’abbriva a la rota,
le fijje vostre ponno stà a l’odore,
ch’io nun je fo rrestà mmanco la dota.

 

Roma, 25 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Nel giorno onomastico di alcuno, si fa a lui, o si dice di farlo, il tiro delle orecchie, che significa o allungargli le orecchie, la grandezza delle quali significa vita lunga; ovvero forzarlo a pagare la festa, dappoiché farsi tirar l’orecchia dicesi di coloro che a difficoltà concedono.

2 Un mandorlato che si mangia a Natale.

3 Un pane con mandorle, uve-passe, cibo della medesima circostanza.

4 Cedro arancio.

5 Digestione.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License