Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

662. È ’na Bbabbilonia1

 

Sin da tre mmesi avevo avuto er posto
de bbidè2 a l’Accademia de li soni;3
e li sori accademichi bbirboni
me l’hanno arilevato a mmezzagosto.

 

Che vvòi commatte4 llà! ttutti padroni:
sempr’uno la allesso e un antro arrosto.
Ma ne trovino un antro pe cquer costo
che li servivo io de sei testoni.

 

Crederò che cquer po’ dde pratichezza
c’ho de portà bbijjetti, a sto paese
nun z’avessi da prenne pe mmonnezza.5

 

Trovà un bidè pe ssei testoni ar mese?!
Sora Accademia mia, nun zarippezza.6
Sce annà Bbrega de Piazza Fernese.7

 

Roma, 25 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Confusione.

2 Bidello.

3 Accademia filarmonica.

4 Combattere.

5 Per immondezza, per nulla.

6 Non si ripara.

7 Brega di Piazza Farnese: forse in altro tempo fu un personaggio ridicoloso e nullo, di cui è restato il solo nome, che equivale a «nessuno». Per esempio: «Chi c’è? Chi è venuto? Brega

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License