Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

663. La bbazza1

 

O de riffe, o de raffe,2 inzino a mmone
sempre cuarche ffiletto3 s’ariduna.
Jerassera arivonno pe ffurtuna
duggiuncate in froscella4 per padrone.

 

E io, pe spartí ggiuste le porzione,
una ne fesce vede a lloro, e una
oggi che ggrazziaddio nun ze diggiuna
me la mmaggnat’io pe ccolazzione.

 

Me arinato!5 Eh ssi nun fussi lei5a
che mme lo mette , ccor ziggnor Pavolo
Dio sa l’incerti che cciabbuscherei.

 

Ma llei? saette! nott’e ggiorno un gnavolo.6
Va stitica7 ppiù ppeggio de l’Abbrei,8
e ssa indove che ttiè la coda er diavolo.9

 

Roma, 25 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Bazza, bazzetta, arrivar la bazza, ecc.: incontro fortunato di guadagno.

2 O per fas o per nefas.

3 Incerto.

4 Fiscella.

5 Sono rinato.

5a La padrona.

6 Querela petulante (miagolio).

7 Andare stitico: essere duro, avaro.

8 Gli ebrei hanno fama d’avarizia.

9 È furba: proverbio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License