Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

664. Mamma scrupolosa

 

Bascia subbito llí cquela paggnotta
ch’è ccascata davanti ar cacatore.
Nu lo sai, bbrutta fia1 de ’na miggnotta,2
eh? ccher pane è la faccia der Zignore?

 

Che bbelle scuse de la freggna! Scotta!
Ciavería3 gusto t’abbrusciassi4 er core.
Va’ ggiú a ccasa der diavolo, marmotta,
e averai da godette antro scottore.

 

E mmó ccome la metti? sottosopra?,
che tte se pozzino5 stroppià le mane:
uh! bbenedetto er nerbo e cchi l’addopra.

 

Vortela,6 strega, da la parte tonna,
perché, ccor cul in , ssappi ch’er pane
fa ppiaggne Ggesucristo e la Madonna.7

 

Roma, 25 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Figlia.

2 Bagascia.

3 Ci avrei.

4 Ti bruciasse.

5 Possano.

6 Voltala.

7 Veri pregiudizi del popolo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License