Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

666. L’abbichino1 de le donne

 

La donna, inzino ar venti, si è ccontenta
mamma, l’anni che ttiè ssempre li canta:
ne cressce uno oggni scinque inzino ar trenta,
eppoi se ferma llí ssino a cquaranta.

 

Dar quarantuno impoi stenta e nnun stenta,
e ne disce antri dua sino ar cinquanta;
ma allora che aruvina pe la sscenta,2
te la senti sartà ssubbito a ottanta.

 

Perché, ar cressce li fijji de li fijji,
nun potemmo èsse ppiú ddonna d’amore,
ffigurà da donna de conzijji.

 

E allora er cardinale o er monzignome,
che jjallissciava er pelo a li cunijji,
comincia a rrescità da confessore.

 

Roma, 26 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 L’abbaco.

2 Per la discesa.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License