Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

673. Panza piena nun crede ar diggiuno

 

Lo capisco ch’er monno è ppien de guai
e cch’è un logo de pianto e ppinitenza;
ma ppenà ssempre e nnun finilla mai
roppería puro er culo a un’Eminenza.

 

Se fa ppresto a pparlà; mma, cculiscenza1


tu cche me fai ste chiacchiere me fai,
tu cche pprèdichi all’antri la pascenza,
di’, cquanno viè la vorta tua, tu ll’hai?

 

Va’ ssempre co li stracci che mme vedi:
cammina pe la fanga co sta bbua2
de scarpe che mme rideno a li piedi:3

 

campaggni ggiorno co un bajocco o ddua;
e ppoi penza de cquer che tte credi,
e ggòdete la fremma a ccasa tua.

 

Roma, 27 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Con licenza.

2 Vale anzi «ruina» che «danno».

3 Scarpe che ridono: fesse.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License