Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

674. L’avaro ingroppato1

 

Nu lo posso soffrillo, nu lo posso:
me fa vviení li frauti2 da l’abbíla.3
È ricco-maggna,4 e ttiè un landàvo5 addosso
che dde li bbusci n’averà ssei mila!

 

Lui, pe ffà er brodo, drento in de la pila
sai che cce bbulle oggni matina? un osso.
Mette er vino in dell’acqua pe ttrafila,6
e ppe ingannà la vista addopra er rosso.

 

E ccià dduviggne poi, dusvojjature,7
che ggireno tre mmijja in tonno in tonno:
tiè una bbella ostaria for de le mure:

 

e mmó ha ccrompato da padron Rimonno
cuer gran negozzio suo de le vitture
pe Ttivoli, Subbiaco,8 e ttutto er monno.9

 

Roma, 27 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Dovizioso.

2 Flati.

3 Bile.

4 Ricco magno.

5 Abito: termine preso scherzevolmente da landau, landò, specie di vettura.

6 Sottilmente.

7 Due svogliature, due miseriole: ironia.

8 Terra presso Tivoli, ov’è il celebre eremo di S. Benedetto.

9 Specie d’iscrizione non infrequente in Roma.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License