Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

679. Date Scèsere a Ccèsere e Ddio a Ddio

 

Citazzione o riscetta, in concrusione
me la fesce1 spiegà dda lo spezziale.
Disce:2 «Hai d’annà da un cert’Abbate Tale,3
ch’è ’r curiale contrario, ar Confalone».4

 

Io me faccio inzeggnà strada e pportone,
vado, me scibbo5 otto capi de scale,
bbusso, viengheno a uprí, cchiedo er curiale,
e jje dico: «Ch’edè sta Citazzione?».

 

Lui la guarda, e ppoi disce: «Ah nun io
che cqua vviè pper legabbile,6 ma cquello
che sta in cuestantro studio accostar mio».

 

Inteso tanto, io me caccio er cappello
a stomo pieno de timor de Ddio;
perch’è ggiusto: oggni aggnello ar zumascello.7

 

Roma, 28 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Me la feci, ecc.

2 Il dice è il segnale del mutamento d’interlocutore.

3 Nome generico.

4 Luogo che prende il nome da una chiesetta e confraternita.

5 Mi cibo, cioè: «duro la fatica di fare», ecc.

6 Legale.

7 Proverbio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License