Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

685. Lo specchio der Governo

 

Cuanno se vede ch’er Governo nostro
cammina senza gamme,1 e ttira via:
cuanno se vede che mmanco Cajjostro2
saprebbe indovinà cche ccosa sia:

 

cuanno er Zommo Pontescife cià mmostro3
che cqualunque malanno che sse dia
s’abbi d’arimedià co un po’ d’inchiostro,
co un po’ d’incenzo e cquattro avemmaria:

 

cuanno se vede che lo Stato sbuzzica,4
e ccher ladro se succhia tutto er grasso,
e ’r Governo lo guarda e nnu lo stuzzica;

 

tu allora che lo vedi de sto passo,
di’ ccher Governo è ssimil’a una ruzzica,5
che ccurre cure sin che ttrova er zasso.

 

Roma, 28 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Gambe.

2 Giuseppe Balsamo, siciliano, cognominato Cagliostro, famoso impostore del sec. xviii, e tenuto dal volgo per stregone, il quale implicato nella celebre causa della Collana in Parigi, sotto Luigi xvi, morì poi a Roma nel Castel S. Angiolo.

3 Mostrato.

4 Il buzzico è qui un piccolo vaso d’olio per uso giornaliero di familia. Quindi il verbo sbuzzicare, cioè: «versare e sparger (nel nostro caso) danaro».

5 Ruzzola, disco.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License