Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

693. Li sbasciucchi1

 

Vedi: cuer Chiricozzo sciorcinato2
bbasciava la manar Zagrestano:
cuesto la bbascia mo ar Zotto-curato;
e cquesto la va a bbascià ar Piovano.

 

Cuesto la bbascia ar zuPadre Guardiano,
e cquesto ar Provinciale, c’ha bbasciato
la mano ar Generale, che la mano
bbascia lui puro ar Vescovo e ar Prelato.

 

E ’r Vescovo e ’r Prelato è ttal e cquale,
ché, ppe bbascià la mano, cure addietro,
com’un can da mascello, ar Cardinale.

 

E a cchi la bbascia sto fijjol d’un mulo?
La bbascia ar Zanto-Padre su a Ssan Pietro.
E ’r Papa a cchi la bbascia? A Bbasciaculo.3

 

Roma, 30 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Sbaciucchi, sbaciucchiamenti, sbaciuccare, son tutti vocaboli indicanti «il molto e assiduo baciare».

2 Chierichetto tapino.

3 Con questo nome si suole rispondere alle dimande troppo curiose e importune, ovvero a colui che ad arte si è fatto procedere a una dimanda, onde schernirlo con simile risposta: lo che si chiama «farlo cadere». «Te sciò ffatto cascà; cce sei cascato», ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License