Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

695. Caccia er cappello a ttutti

 

Me pèrdeno er rispetto perché io
porto la riverèa1 da servitore?
Ma ddiino tempo, ch’er padrone mio
sta llí llí ppèsse fatto monziggnore.

 

E ggià mm’ha ddetto che, ssi ppapa Pio
pe un par d’anni de ppiú ccampa e nnun more,
lui spera ggià cco l’agliuto de Ddio
d’avé er cappello e arimutà ccolore.

 

Poi, chi ssa? un callo e un freddo... un freddo e un callo,2
co ste leggne che cqui sse fa la soma:
tutto dipenne da Monte-Cavallo.3

 

E allora disce4 che mme er diproma
de cavajjer de Roma e Pportogallo,5
pe ffamme arispettà dda tutta Roma.

 

Roma, 31 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Livrea.

2 Un cangiamento imprevisto.

3 Il Quirinale, dov’è quello de’ palazzi pontifici nel quale oggi si tiene il conclave.

4 E dice che allora, ecc.

5 Ordine di Cristo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License