Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

696. Le ggiubbilazzione1

 

Cosa li prelati eh, cavarcante?
Cosa li padroni eh? ll’hai sentito
che ttestament’ha ffatto cuer gargante,2
cuer zomaraccio carzat’e vvestito?

 

Paga in vita ar marito de Violante,
e a mmé cche ssò ppiú anziano der marito,
e jj’ho ffatto da bboja e ddajjutante,3
nun me lassa nemmanco er bonzervito!4

 

A Rromaccia bbisoggna èsse cornuto,
bbisoggna avé ppe mmojje le miggnotte,
pe vvédese provisto e bbenvorzuto.5

 

Bbasta, lui ’ntanto s’è ito a ffà fotte,6
e io vvivo. Cor divin agliuto,7
cuarche ccosa farò: ffeliscia notte.8

 

Roma, 31 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Pensioni vitalizie.

2 Traditore, ribaldo.

3 L’ho servito in ogni ufficio.

4 Il benservito è un attestato de’ buoni servizi di un servo, o una gratificazione concessa pe’ medesimi risguardi.

5 Benvoluto.

6 È morto.

7 Aiuto.

8 Felice notte: alla buon’ora.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License