Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

698. L’appiggionanti amorosi1

 

S’io fussi ricco, e avessi case cuante
finestre aveva er Duca Mondragone,2
e vvolessi caccià un appiggionante
che sse schifassi de pagà ppiggione;

 

mica lavorería de scitazzione
pe appiccicamme addosso er visscigante
d’un mozzorecchio e un giudisce cojjone,
che ssò ccome ch’er boja e llajjutante:

 

invesce der curzore co la frasca3
mannería ’n archidetto a l’abborita4
a ddí: «Scappate, ché la casa casca».

 

E ar momento avería casa pulita:
perché llomo nun stima antra bburrasca
che cquella che lo cojje in de la vita.

 

Roma, 4 gennaio 1833 - Der medemo

 




1 Morosi.

2 Palazzo di delizia nella città di Frascati, del quale, come di altri, va per la plebe la meraviglia dell’avere, come si dice, ugual numero di finestre che i giorni dell’anno.

3 Citazione: modo ironico allusivo alla frasca dell’ulivo di pace.

4 D’improvviso, senza complimenti.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License