Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

700. Lo sfasscio1

 

Jer notte, a mmezzanotte, su a Ccimarra,2
aggnédero3 pulito4 in zei perzone,
e ffésceno un ber buscio in ner portone
de cuer bravo maestro de chitarra.

 

Sfilato che ppoi n’ebbeno la sbarra,
jentronno in casa senza suggizzione;
e jje portonno via tutto er mammone,5
ammazzanno lui prima pe ccaparra.

 

Cuesto lo so ppe bbocca de Noscenza,6
serva der morto, c’arimase viva
agguattànnose sotto a una credenza.

 

Ma ssò ccose da fasse in commitiva?
Nun fussantro, dich’io, l’impertinenza
d’ammazzà un galantomo che ddormiva!

 

Roma, 6 gennaio 1833 - Der medemo

 




1 Rottura di uscio.

2 Contrada di Roma, così nominata dalle case dei conti Cimarra.

3 Andarono.

4 Bravamente.

5 Il danaro: parola di provenienza scritturale.

6 Innocenza.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License