Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

702. Le mmaschere eccresiastiche

 

Nun ce se crede ppiú! ssemo arrivati
a un tempo accusí iniquo e accusí ttristo,
che la mannàra1 cqui dde Papa Sisto
nun potería purgà ttanti peccati.

 

Cuali popoli antichi hanno mai visto
ammascherasse2 li preti e li frati?!
E ar vedé sti vassalli ammascherati
nun z’ha dda vviscino l’Anticristo?

 

Che sserve che la Cchiesa inviperita
li chiami indietro a ssòno de campane,
si la su’ vosce nun è ppiú ssentita?

 

Che sserve sii la mmaschera inibbita
a ffrati, preti, chirichi e pputtane,
e all’antre ggente de cattiva vita?3

 

Roma, 6 gennaio 1833 - Der medemo

 




1 Mannaia.

2 Ammascherarsi.

3 Gli ultimi due versi contengono le medesime parole con le quali si bandivano, sino agli ultimi tempi ogni anno, gli editti in occasione di carnevale.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License